mercoledì 22 gennaio 2014

IOV: adesso tocca a te fare la mossa giusta


Chi mi legge da tempo, sa che questo blog non è solo mio. Appartiene anche alle mie tante amiche malate di cancro e a tutti coloro che si trovano per la prima volta davanti alla malattia e non sanno che fare.
Questa mattina presto ho ricevuto l'ennesima telefonata terrorizzata. Che cosa sta succedendo allo IOV? Mi ha chiesto Sabrina, all'altro capo del telefono. Mi racconta una storia che so già come va a a finire ma la lascio terminare il suo racconto. In questi ultimi 4 mesi di telefonate così ne ho ricevute parecchie. 
Allo IOV le cose non stanno andando bene, mi dicono tutte. La dott.ssa Ghiotto non è più in day hospital, è tornata a fare il medico di reparto. La dott.ssa Falci pare sia incinta e quindi non c'è. A visitare i pazienti, sia in day hospital pre-terapia, che nelle fasi successive di follow-up, sono altri medici oncologi oppure medici specializzandi. Le mie amiche mi raccontano di visite mediche in cui non si sono sentite debitamente prese in cura.  Il passaggio di consegne da un medico all'altro non è mai cosa semplice ma bisogna anche ricordare che qui si ha a che fare con gente malata di cancro e non con l'otite (con tutto il rispetto per chi ha l'otite). Sto male. La mia ultima volta allo IOV risale a qualche mese fa, quando sono andata a prenotare le visite di controllo. Come al solito, ho trovato tanta disponibilità. Il mio ultimo follow up risale invece a settembre. Il prossimo a febbraio. Nel precedente avevo trovato una brava specializzanda che mi aveva ispirato competenza e fiducia.  
Con questo post, do voce al senso di disorientamento delle mie amiche e anche mio. Perché sono spaventata, è ovvio. Ma voglio rinnovare la mia fiducia allo IOV. E così ho chiesto di fare alle mie amiche. Di pazientare ancora qualche mese. Altra notizia è che il dr. Muzio, direttore generale dello IOV, si sia dimesso qualche mese fa e ancora non sia stato sostituito.
Ho chiesto a tutte coloro che mi hanno chiamato di scrivere allo IOV per raccontare questa situazione di disagio.
Farò lo stesso io con questo post. Che non vuole essere denuncia ma sprone per lo IOV a ritrovar se stesso.

9 commenti:

  1. Ciao Elisa,
    ho letto il tuo blog tutto d'un fiato. Ho 27 anni e un mese fa son stata operata allo IOV, mastectomia bilaterale, è andato tutto benone. Settimana prossima inizio la chemio, leggere il tuo ultimo post mi ha un po spiazzato, la mia oncologa è una specializzanda, inizialmente ero un po scettica ma ho sentito parlare cosi tanto bene dello IOV, perciò le ho dato fiducia....

    RispondiElimina
  2. Ciao Georgette, l'atteggiamento di fiducia è e rimane quello giusto.
    Vedrai che, durante le chemio, ci saranno delle infermiere bravissime che ti seguiranno e ti faranno sentire protetta. Ti prego di tenermi aggiornata sull'andamento delle tue cure e sulla tua esperienza allo IOV. Un abbraccio. Elisa
    P.S. anch'io ho fatto mastectomia bilaterale

    RispondiElimina
  3. Ciao Elisa volevo dirti che io ho finito giovedi' scorso la chemio di mantenimento ora sto' finendo le radio me ne mancano 4 e poi e' finito questo percorso durato un anno....ho una mastectomia bilaterale sono stata seguita fin dal primo giorno sempre con affetto da tutti i medici e dallo staff delle stanze rosa che sono angeli...e qusndo stavo male mi hanno sempre seguito con la stessa intensita' del primo giorno...io ho un tumore recidivo. Purtroppo so' che ho solo il 75% di guarire ma so' che ho IOV che mi sta'vicino e per questo devo solo ringraziarli di avermi salvato la vita, ho 2 bimbi piccoli e devo vivere per loro...Un grosso abbraccio.Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Ciao Cristina, anche a me lo IOV ha salvato la vita. La dott.ssa Ghiotto e la dott.ssa Falci mi hanno sempre dato la massima disponibilità e attenzione. Ma negli ultimi 2 follow up ho incontrato solo specializzandi. Per fortuna la mia situazione non è critica ma anche ieri, lo specializzando di turno, non ha saputo darmi le risposte che mi aspettavo. Spero tanto che questo momento di difficoltà dello IOV, segnalatami anche dalle tante persone di cui parlo nel post, sia solo un mmomento passeggero, dovuto a qualche problema organizzativo nel cambio di testimone ai vertici di questa struttura che deve rimanere un centro di eccellenza nel Veneto. Un abbraccio. Elisa

      Elimina
  4. Ciao ho letto il tuo blog
    Ti ho postato dei video che sono davvero illuminanti dal punto di vista della medicina naturale
    il dottor Mozzi Piero il medico secondo natura (delle Mogliazze di Bobbio) non è conosciuto dappertutto ma credimi quello che dice è molto importante per la salute di tutti.
    su YOUTUBE potrai trovare tantissimi video e repliche televisive su di lui e anche in tv sul canale 138 potrai seguirlo su TELECOLOR trasmissione di medicina basata sulla terapia alimentare.
    In ogni incontro vengono affrontate le patologie più comuni e quelle più gravi in relazione ai cibi che ne sono causa.

    http://youtu.be/smL2G3zD5X0

    http://youtu.be/xoV1E9Va9o4

    ... telecolor.net/?page_id=28

    CIAO

    RispondiElimina
  5. Ciao ragazze, sono Rosy, vi scrivo da Verona. Volevo chiedervi se la situazione allo IOV è migliorata. Una mia amica ha appena saputo di avere una recidiva al seno rimasto, piuttosto avanzata, e altre complicazioni. Vale la pena spostarsi allo IOV a chiedere un parere? Io sapevo che era un buon centro, collegato ad altri istituti internazionali, con accesso a farmaci e procedure anche sperimentali. Se mi risponderete ve ne sarò molto grata. Grazie

    RispondiElimina
  6. Ciao Rosy,
    ho fatto ieri il follow up e finalmente mi ha visitato un oncologo. Quindi bene!!! Lo IOV è e rimane un centro di eccellenza per la cura dei tumori. Alcune pazienti, tra cui la sottoscritta, si sono lamentate per essere state ricevute da specializzandi non proprio all'altezza della situazione. Ma per quanto riguarda la presa in carico del paziente, la brest unit, la successiva scelta della cura e gli angeli di infermiere che seguono le chemio, beh... posso solo dirti che la tua amica sarebbe in ottime mani!

    RispondiElimina
  7. Grazie, grazie davvero Elisa per la tua risposta. Adesso farò di tutto per convincerla a prendere un appuntamento. Ne ha già preso uno allo IEO a Milano ma ho sentito tanta gente che è stata trattata con freddezza e un po' di supponenza, per questo ho chiesto a voi di Padova. Ancora grazie di cuore, siete fantastiche tutte voi che avete creato questi posti dove si può trovare consiglio, aiuto e conforto. Rosy

    RispondiElimina

Seguimi via Email